BRILLAMENTO DA PARTE DEL GENIO GUASTATORI NEL GRETO DEL TORRENTE TORRE A MEDEA DI ARMAMENTO BELLICO RINVENUTO DURANTE GLI INCENDI SUL CARSO

 

Si è conclusa oggi la tre giornate che ha visto operare gli artificieri del  3° Reggimento Guastatori di Udine, allertati dalla Prefettura di Gorizia, sul Carso dove si è proceduto alla bonifica del territorio di decine di residuati bellici risalenti al primo conflitto mondiale rinvenuti a seguito degli intensi roghi di questa estate.

A partire dallo scorso martedì 11 ottobre i guastatori dell’Esercito, accompagnati dai carabinieri delle locali stazioni, sono intervenuti per mettere in sicurezza il territorio in varie località e frazioni dei comuni di Doberdò del Lago e Ronchi dei Legionari insistenti sul Carso goriziano dove gli incendi dei mesi scorsi hanno restituito numerosi ordigni bellici.

I team E.O.D. (Explosive Ordnance Disposal) della caserma Berghinz di Udine hanno rinvenuto e catalogato ordigni bellici di nazionalità italiana e austroungarica tra cui n.15 granate di artiglieria cal.  75 mm (HE – alto esplosivo), n. 3 granate di artiglieria cal. 105 mm HE, n. 1 granata di artiglieria cal. 57 mm, n. 1 granata di artiglieria cal. 152 mm, n. 1 granata di artiglieria cal. 37 mm, n. 1 granata di artiglieria cal. 155 mm, n. 1 granata di artiglieria cal. 70 mm, n. 2 granata di artiglieria cal 7,5 cm, n. 1 granata di artiglieria cal. 15 cm, n. 1 granata di artiglieria cal. 10 cm HE; e ancora n. 3 bombe a mano mod. Lakos HE, n. 2 bombe a mano mod. SIPE HE, n. 1 bomba a mano mod. M 35 e n. 1 bomba da fucile mod. Seitzundergewhgranate.

Gli ordigni rimovibili messi in sicurezza sono stati quotidianamente trasportati in un luogo idoneo al brillamento, nel greto del torrente Torre nel comune di Medea (GO), dove nel frattempo una macchina movimento terra dell’Esercito aveva predisposto una buca, in gergo militare detta “fornello”, all’interno della quale, con l’innesco di altro esplosivo militare, gli ordigni sono stati definitivamente neutralizzati.

E’ bene ricordare a chiunque dovesse imbattersi in oggetti che per forme e dimensione possano richiamare un ordigno esplosivo o parti di esso, che questi manufatti possono essere molto pericolosi e pertanto non devono essere toccati o manomessi in alcun modo, ma ne va denunciato immediatamente il ritrovamento, così da consentire l’intervento degli artificieri dell’Esercito al fine di ripristinare le condizioni di sicurezza del nostro territorio.

Il 3° Reggimento Guastatori di Udine è un’unità dell’Arma del Genio che, sotto il controllo del Comando Forze Operative Nord di Padova, è incaricata di bonificare il territorio del Friuli Venezia Giulia e delle province di Treviso e Belluno dai residuati bellici dei due conflitti mondiali ancora esistenti. L’Esercito, grazie alla flessibilità dei  reparti del genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire nei casi di pubbliche calamità e utilità, in ogni momento, su tutto il territorio italiano a supporto della comunità nazionale.

 

Redazione
info@friulitv.net