Carburanti: Bernardis (Lega), fascia 0 è risposta attesa da decenni

“Dopo anni di attese e di parole, l’Amministrazione guidata da Massimiliano Fedriga dimostra con i fatti, ovvero prima con i super sconti, poi con l’inclusione in fascia 1 dei Comuni esclusi e ora con la fascia 0, di voler fermare l’emorragia di liquidità che colpisce i nostri territori di confine”.

Lo rimarca in una nota il consigliere regionale Diego Bernardis (Lega), esprimendo soddisfazione e “pieno supporto alla volontà dell’assessore regionale all’Energia, Fabio Scoccimarro, di dare seguito alla proposta di istituire la fascia 0 per contrastare il pendolarismo del pieno e abbattere le emissioni inquinanti generate da chi fa rifornimento oltreconfine”.

“Finalmente – continua l’esponente del Carroccio – si apre la fase di studio e di confronto per arrivare alla nuova legge regionale che regolerà il sostegno economico all’acquisto di carburanti per i cittadini residenti in regione”.

“In tal senso – sottolinea Bernardis – i passi fatti per contribuire ad arrivare a questa volontà sono stati molteplici.
Ricordo la mozione presentata insieme al collega Diego Moretti e poi votata all’unanimità dal Consiglio regionale, il pressing istituzionale fatto con il deputato Massimiliano Panizzut e gli eurodeputati Elena Lizzi e Marco Dreosto, o i frequenti confronti con gli addetti del settore e il recente ordine del giorno ‘Super fascia 0 per limitare il pendolarismo del pieno e armonizzare l’economia di confine dei territori transfrontalieri del Friuli Venezia Giulia’ che mi vede primo firmatario e che è stato accolto dal presidente Fedriga”.

“È evidente che la strada da percorrere è ancora lunga. I presupposti, tuttavia, sono ottimi. Oltre ai carburanti ci sarà
molto lavoro da fare per armonizzare l’economia dei territori transfrontalieri e superare le tante difficoltà dovute al confine fra Stati, in particolare per quanto riguarda fiscalità, tariffe e burocrazia. Passo dopo passo – conclude la nota leghista – sono certo che arriveremo ai risultati auspicati”.