MONFALCONE. Cisint alla Boato International di Bernardo Vacchi: sviluppo del territorio e del tessuto produttivo

Il Sindaco Anna Maria Cisint ha partecipato al Consiglio d’Amministrazione della Boato Spa, impresa storica del territorio e di rilevanza internazionale, per la condivisione del piano industriale dell’impresa con il primo cittadino.

Presenti il Presidente del CDA Bernardo Vacchi, il Consigliere Giulio Gallazzi, il Consigliere delegato e direttore generale Gino Pastorutti, il Consigliere delegato Diego Bertoz, il Consigliere delegato, la Responsabile risorse umane e Amministrazione Elisabetta Trombini, i Consiglieri Massimo Domini e Roberto Barilli, il Membro del Collegio Sindacale Mauro Verdimonti, il Presidente del Collegio Sindacale Gianluigi D’Orlandi e il membro del Collegio Sindacale Elettra Gratton.

Nel corso dell’Assemblea sono state presentate, dal vertice Boato, le prospettive di crescita del gruppo aziendale, che “ben si coniugano con le stesse prospettive della Città. Il territorio ed il suo tessuto produttivo crescono insieme e sempre più devono ragionare sulle sinergie e sui risultati comuni”, nelle parole del Sindaco.

Il gruppo – raccontano Bernardo Vacchi, presidente del Consiglio d’Amministrazione e il Consigliere Giulio Gallazzi – parte da un grande obiettivo: quotarsi in Borsa al termine del prossimo quinquennio. “Sono tre i punti focali del nostro piano industriale: creare un nuovo stabilimento che punti alla sostenibilità, fabbricare energia a favore del territorio circostante e introdurre i giovani nel mondo del lavoro”.

La visione, condivisa tra impresa e Amministrazione Pubblica, si basa su una prospettiva di crescita comune, “Monfalcone vuole essere presente, valorizzare e supportare le aziende che hanno ambiziosi programmi di crescita che siano di pil e occupazionali” commenta il Sindaco Cisint, che continua “abbiamo apprezzato la grande attenzione verso ciò che oggi diventa una priorità e quindi tutto ciò che è inerente allo sviluppo eco compatibile e di valorizzazione di patrimonio – anche umano – del territorio”.

“Monfalcone può contare su una cerniera logistica perfetta, validata dalla presenza della ferrovia e dell’autostrada. Abbiamo tutte le carte in regola per crescere ancora”, afferma Cisint, attraverso investimenti ma anche attraverso formazione e attrazione delle risorse umane.

Un precedente è l’attivazione IN una delle classi dell’ISIS Pertini dell’indirizzo di navalmeccanica ad inserimento diretto nel mondo Fincantieri al termine del percorso di studi, “si tratta di un modello replicabile”, afferma il Sindaco, “sulle necessità del territorio” e che ben si coniugherebbe all’avvicinamento, desiderato dalla Boato, dei giovani all’impresa.

“Monfalcone è sempre più dinamica, anche nelle possibilità di crescita professionale” conclude il Sindaco, “è di fondamentale importanza immaginare un percorso fatto con il territorio perché questa è una Città che ha voglia di correre e sta creando, anche assieme al mondo imprenditoriale, delle opportunità importanti”.

Redazione
info@friulitv.net