MONFALCONE. PARTITI I LAVORI DI DRAGAGGIO A MARINA NOVA E LOCOVAZ

Il sindaco di Monfalcone, Anna Maria Cisint, questa mattina ha effettuato un sopralluogo nell’area interessata dagli interventi e, insieme al  vicesindaco, Antonio Garritani, ai tecnici del Comune, al consigliere regionale Antonio Calligaris e a una rappresentanza della ditta OpeMar che esegue gli interventi, ha verificando anche la fattibilità delle opere accessorie.
Il dragaggio porterà a – 2 metri la profondità dell’accesso fino all’interno del Canale che ospita un centinaio di imbarcazioni, di proprietà dei soci dell’Associazione Casoneri e dei pescatori, che così potranno accedere e transitare nello specchio d’acqua antistante la loro sede in maniera più agevole.
Un’opera, il cui quadro economico ammonta a € 300.000, che prevede lo spostamento di 5.000 metri cubi di fango e, insieme al dragaggio, include il rafforzamento gli argini attraverso il posizionamento delle bricole. I lavori dovrebbero terminare nei primi mesi del 2023.
Nel contempo, il Consorzio dello Sviluppo economico sta lavorando alla sistemazione del mammellone per consentire che, soprattutto durante periodo della Barcolana quando i traffici aumentano, le barche ormeggiate nei Marina dell’est-ovest del Locovaz possano uscire e rientrare per le regate senza intralcio.
“Sono cominciati i lavori per realizzare due opere molto importanti per il monfalconese e per l’indotto della nautica. Ringrazio il presidente Fedriga, la Capitaneria di Porto con il comandante Siragusa, il Consorzio con il dottor Cella e l’ingegner Brusadin, che hanno permesso la concretizzazione del progetto. È in fase di verifica di fattibilità tecnica la realizzazione di una piattaforma per il varo e l’alaggio di piccole imbarcazioni e stiamo valutando, insieme ai tecnici, la costruzione di uno scivolo lato ovest dell’area nell’ambito di Marina Nova. Un ulteriore passo in avanti per rendere Marina Nova e tutto il nostro litorale più fruibile e funzionale.”
Redazione
info@friulitv.net