Nella giornata di oggi 1 agosto, sono state attivate ben quattro stazioni del Soccorso Alpino FVG per un totale di cinque interventi di soccorso.

Accanto a quelli riportati nei post di questa mattina, che hanno interessato la stazione di Udine – Gemona, sono poi arrivati un intervento a Trieste, per una donna con caviglia slogata nei pressi della ciclabile Cottur; un intervento in comune di Moggio Udinese sul Rio Simon per un’altra donna, triestina, slogatasi anch’essa la caviglia; un intervento a Forni di Sopra per recuperare quattordici scout di Padova dispersi sotto un temporale.

Fondamentale nell’ultimo caso l’intervento dell’elicottero della Protezione Civile della Regione Autonoma FVG Elifriulia

 

Trieste

Tra le 13 e le 14 la stazione di Trieste del Soccorso alpino ha aiutato i sanitari dell’ambulanza a soccorrere una turista belga del 1969 che lungo un sentiero nei pressi della ciclabile Cottur scendendo si è slogata una caviglia non riuscendo più a proseguire. La donna è stata soccorsa il suo arto è stato steccato ed è stata accompagnata alla ambulanza arrivata nei pressi.

 

Moggio Udinese (Ud)

Si è svolto tra le 15 e le 16 l’intervento della stazione di Moggio Udinese del Soccorso Alpino assieme ai soccorritori della Guardia di Finanza per soccorrere una coppia di triestini che aveva chiamato il Nue112 chiedendo aiuto. I due si erano accampati per la notte con il loro furgone lungo la strada e si erano poi incamminati per fare due passi lungo il Rio Simon quando lei è scivolata a causa della pioggia che ha reso i sassi sdrucciolevoli e si è procurata una forte distorsione alla caviglia che le impediva di camminare.

I tecnici hanno raggiunto i due, entrambi del 1980, hanno imbarellato la donna e l’hanno trasportata a spalle fino all’ambulanza che attendeva in strada. Allegate alcune immagini.

 

Forni di Sopra (Ud)

Sono stati tutti tratti in salvo i quattordici escursionisti bloccati in quota sulle Alpi Carniche Occidentali grazie ai soccorritori della stazione di Forni di Sopra del Soccorso Alpino. Si trattava di una comitiva di boy scout di Padova. Nonostante le previsioni meteo avverse la comitiva di giovani era partita questa mattina alle 9 da Casera Mediana (Sauris) per raggiungere il bivacco Francescutto a Forni di Sopra perdendo poi la traccia e imbattendosi in un forte temporale sopra casera Chiansaveit, a quota 2100 metri. Pioggia e vento forte hanno fatto precipitare le temperature mettendo a dura prova le condizioni psico – fisiche dei giovani, di un’età compresa tra i 16 e i 22 anni (due i minorenni presenti nel gruppo). In particolare alcune ragazze erano vicine all’ipotermia, mentre un’altra aveva un problema ad una gamba che non le permetteva di camminare.

La chiamata è arrivata alle 13.40 dalla Sores che ha allertato la stazione di Forni di Sopra e l’elicottero della Protezione Civile. Sei i soccorritori attivati, quattro da Forni di Sopra e due da Sauris, questi ultimi partiti a piedi mentre gli altri quattro sono stati trasportati in quota dall’elicottero fino alla cresta per individuare e raggiungere i dispersi. Una finestra nelle nebbie del maltempo ha fortunatamente consentito il recupero di tutti e quattordici i giovani in elicottero e il loro trasporto a Sauris. L’intervento si è chiuso alle 16.

Allegata nuovamente la mappa e tre immagini di cui una con i minorenni accovacciati per ripararsi dal freddo all’arrivo dell’elicottero.

 

omar
info@friulitv.net