NOTIZIA PER TG

L’allarme è scattato poco dopo le 11 quando un gruppo di escursionisti che scendevano dalla Forca dell’Alpino, nelle Dolomiti Pesarine, è sceso al Rifugio De Gasperi avvisando il gestore di aver sentito delle grida di aiuto in prossimità della forca senza capire esattamente la provenienza delle stesse. Il gestore, dopo aver avvisato il Nue112, è salito a sua volta a verificare, sentendo le stesse grida. Attivata dalla Sores la stazione del Soccorso Alpino di Forni Avoltri e la Guardia di Finanza oltre all’elicottero della Protezione Civile che ha caricato due soccorritori del Soccorso Alpino per una perlustrazione aerea attorno alla Forca dell’Alpino. L’alpinista ferito, politraumatizzato, è stato stabilizzato e collocato nel materassino a depressione e imbarcato con una prima verricellata di più di 50 metri. Con una seconda verricellata è stato recuperato il compagno di cordata illeso. Infine l’elicottero della Protezione civile ha imbarcato i due tecnici del Soccorso Alpino. L’intervento si è concluso poco prima delle 15.

Un uomo di 60 anni di cui non sono state fornite le generalità colto da malore è deceduto oggi allo stabilimento Tivoli di Grado dove si trovava per un periodo di vacanza. La tragedia si è consumata verso l’ora di pranzo. Inutili i soccorsi. La salma dopo il nulla osta è stata ricomposta nella cella mortuaria dell’Isola d’Oro.

Incidente nautico poco prima di mezzogiorno nel tratto navigabile del fiume Stella in comune di Precenicco. Un uomo di 75 anni di Basiliano  è stato colpito in pieno da una parte del supporto della vela che aveva sbattuto contro un albero mentre stava discendendo il corso d’acqua a bordo dell’imbarcazione in cui si trovava con amici. Soccorso dagli stessi è stata allertata l’ambulanza. l’uomo è stato trasferito in ospedale per gli accertamenti sanitari e ricovero. Situazione critica ma non sarebbe in pericolo di vita.

Disavventura per padre e figlio, di 60 e 23 anni, di Pasian di Prato. Intorno alle 12.30, mentre stavano navigando sul fiume Livenza, a Sant’Odorico di Sacile, a bordo di un kayak biposto, sono finiti in acqua, dopo che l’imbarcazione si è ribaltata. Si tratta di due persone esperte in questo tipo di attività sportiva, che praticano da alcuni anni. Il ribaltamento del kayak si è verificato dopo circa 20-30 minuti di navigazione. Ripescati e tratti in salvo hanno ripreso la strada di casa senza bisogno di ricovero ospedaliero.

Nella seduta di Giunta di oggi abbiamo approvato la delibera relativa a cinque progetti utili alla collettività rivolti a chi attualmente riceve il reddito di cittadinanza”. Lo ha annunciato il Sindaco Pietro Fontanini. “È la prima volta – ha precisato il Sindaco – che questa Amministrazione utilizza questo strumento che riteniamo importante non solo perché offre alle persone in difficoltà un’occasione di inclusione sociale e di inserimento nel mondo del lavoro ma anche perché va a integrare i servizi che il Comune offre nell’ambito della tutela delle aree pubbliche, del sociale, dell’ambiente, della cultura e del patrimonio artistico”.

INTERVISTA ZIBERNA