“Nella primavera 2020 l’uomo viveva una ‘normalità’ in cui la pandemia da coronavirus dominava e costringeva ad una realtà disumana. Impaurito, si ritrovava obbligato a chiudersi in casa per evitare il contagio e conosceva la solitudine e rimpiangeva quello che gli mancava”. Lo racconta Leonardo, studente...