TRIESTE. MESSA DI SUFFRAGIO IN MEMORIA DEI POLIZIOTTI UCCISI IL 4 OTTOBRE 2019.

Le stelle di Matteo Demenego e Pierluigi Rotta brilleranno per sempre perché sono iscritte nella storia della comunità, come esempi di dedizione, entusiasmo, spirito di servizio e di sacrificio”.
È il pensiero espresso dall’assessore del Friuli Venezia Giulia alla Sicurezza Pierpaolo Roberti intervenuto oggi a Trieste alla commemorazione nel famedio della Questura e alla santa messa nel nome dei due poliziotti assassinati tre anni fa sotto i colpi di Alejandro Meran.
“I nomi di Matteo e Pierluigi, due ragazzi meravigliosi, saranno sempre un esempio non solo per i cittadini ma per le istituzioni, che nel loro nome sapranno anche nei momenti difficili da che parte guardare”: così Roberti che ha rappresentato la Regione sia in Questura, dove era presente anche l’assessore regionale alla Difesa dell’ambiente Fabio Scoccimarro, sia alla chiesa della Beata Vergine del Soccorso dove il rito di suffragio è stato officiato dal cappellano della Polizia don Paolo Rakic.
Le cerimonie hanno visto in prima fila, tra le altre autorità, il questore di Trieste Pietro Ostuni, il commissario del Governo Annunziato Vardè, il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza e il presidente della Corte d’appello di Trieste Sergio Gorjan.

Redazione
info@friulitv.net